A 8 anni inizia a giocare a ping-pong nella parrocchia di San Martino, di Senigallia.
Nelle partite di doppio in coppia con il fratello gemello Giovanni, sono imbattibili.
Enzo, come tutti i bambini, gioca a calcio, pallavolo, nuota, pattina.
Nel pattinaggio e’ 4° ai Campionati Nazionali.

IL SOGNO
Quando è più grande si dedica al ping-pong, fino al Campionato Nazionale di serie B.
Poi sente che il ping-pong può essere giocato in modo diverso. E’ affascinato dalla musicalità del ritmo e dalla bellezza del gesto tecnico. Abbandona l’attività agonistica e si dedica all’insegnamento. Lo seguono tre giovani liceali; uno di loro, Domenico Ubaldi,  diventerà Presidente della Società.
Arrivano i primi titoli italiani. Fa amicizia con Filippo Dragotto, Presidente Federale.
In occasione del Centenario dell’Unità d’Italia, due giovani della scuola di Pettinelli vengono convocati in azzurro agli Internazionali, Torino ’61.

I 4 CUORI
Il parroco di San Martino, Padre Giuliano Grassi, fa coprire il cortile e crea una palestra.

Un rappresentante di articoli sportivi, Nerio Ravini , capita per caso nella palestra, si commuove nel vedere tanti bambini intorno a un solo tavolo “ sgangherato “, e regala 3 tavoli nuovi di zecca.
Il gioco, basato sulla bellezza estetica e sulla musicalità, produce stimoli e nuovi titoli italiani.

Con Filippo Dragotto nasce un’amicizia fraterna, negli anni 60, allora presidente federale. In seguito diventerà presidente onorario del TT Senigallia per l’attenzione, la vicinanza e la stima alla società.

Uno sponsor, Otello Montesi, fornisce l’aiuto economico, senza chiedere nulla in cambio.

FINE ANNI 60
Alla fine degli anni 60, Pettinelli con Rocchetti, Ubaldi, Ceresi, Simoncioni Luigi, decidono le linee tecniche della scuola. Si sospende l’attività nazionale. Si intraprende uno studio teorico e pratico del nuovo gioco con i nuovi giocatori: Simoncioni Stefano, Costantini, Apolloni, i fratelli Rocchetti, i fratelli Pesaresi, Campus, ecc.

PRIMI ANNI 70
Si partecipa al primo torneo nazionale di Roma. Il balzo tecnico è subito evidente. Costantini e Apolloni sono primo e secondo nella categoria allievi. Seguiranno una serie di piazzamenti di tutta la squadra; Simoncioni e Costantini si qualificano per il tabellone dei prima.

LA SVOLTA
In questo torneo Pettinelli, quasi sconosciuto, si trova al centro dell’attenzione, tutti sono curiosi, tutti vogliono sapere. Intanto i giocatori senigalliesi fraternizzano con Giontella, Panerai, Sardelli e altri. In seguito tutti i migliori allievi d’Italia terranno contatti tecnici d’estate a Senigallia.

CONTINUA

 

 


Il sogno Il gioco in Italia cambia Primi successi Tre fatti nuovi Shot Bibliografia

 

 
Centro Olimpico Tennistavolo | Via del Molinello 32/a - 60019 Senigallia AN | Tel. 071 7921719 - Fax 071 7929670 Credits
pettinelli_eng