Commenti:

 
Billy:
Preciso e lineare; in una parola: essenziale. La sottile linea del passato trascorso, ma mai dimenticato, si ripropone in questo lavoro indissolubilmente legato alle opere precedenti, ma caratterizzato da una singolare modernità. Mescolare gli elementi tipici della favola alla storia attuale, permette a tutto il contesto di dipingere un acquerello dai colori serenamente inquieti, trasportando il lettore in una realtà parallela culminante in una parabola di emozioni. La scelta stessa di utilizzare un linguaggio schematico, privo di ampollosità e ridondanze inutili, dona all'opera un aspetto interlocutorio altrimenti difficilmente riproducibile. Il racconto aspetta con pazienza il lettore per trasformarlo nel protagonista del sogno.
Serenella:
Enzo mi ha segnalato la cosa Giorgio Montesi...inizierò a leggere appena ho un attimo... so solo che sei sempre un grande... bravo, disinteressato, appassionato.... GRAZIE ENZO!!!!
Valeria:
...mi appresto a legger il libro, ma conoscendo Enzo sono certa mi emozionera'!
Marco:
Bellissimo libro. La mente torna all'oratorio, alle corse verso la sala del ping-pong, per prendere la racchetta più bella, quella con le gomme rosse. All'odore delle palline rotte e del fiammifero per tentare di ripararle, di giocare ancora un po'. Al"...chi perde esce", cercando di imitare le leggende di questo libro,di cui sentivamo parlare e vedevamo qualche rara foto. Ora Enzo Pettinelli ci regala un opera emozionante, un filo che unisce la loro e la nostra storia, con tanti simpatici e inediti particolari che rendono i miti della nostra infanzia più umani e vicini. Un libro meraviglioso e struggente, che ci riporta a ciò che abbiamo amato e per il quale molti di noi saranno per sempre infinitamentegrati a colui che l'ha scritto.
Ju Rapida:
Ancora una volta Enzo Pettinelli ci sorprende con le sue iniziative. Molto gradito.
Marco:
Ti ringrazio Maestro, con "Il mistero della racchetta perduta" ci emozioni fino alle lacrime e con "I ragazzi guardano le Stelle" ci ricordi chi siamo, quello che amiamo e abbiamo sempre amato.
Filippo:
Caro Enzo, non è certo facile commentare il tuo ultimo libro in quanto la materia da te trattata spazia tra storia, tecnica, profili umani, concetti etico-sociali e tanta, tanta fantasia! Comunque non voglio far mancare il mio sincero affettuoso apprezzamneto per quest'ultimo, in ordine cronologico, capolavoro di narrativa che offre agli appassionati del ping pong ampi spunti di riflessione, ma altresì u8na via maestra per promuovere un'attività che oltre alla tecnica abbia solidi elementi educativi e formativi. QAuindi grazie Enzo e......al prossimo parto letterario !!!
Lorenzo:
Semplicemente bello!
Silvio:
Un'altra opera, un'altra poesia del Maestro Enzo Pettinelli. In un solo testo si intrecciano storia del Ping-Pong (giocatori, scuole, tradizioni), fantasie di bambini e ricordi, contesti storici e geografici che permettono di avere una profonda comprensione di tutte le storie raccontate. Ho letto il libro sperando di trovare risposte sui campioni e sulle diverse scuole, per sapere chi sia stato il campione più grande e quale sia la migliore scuola del Ping-Pong. Ho trovato di più: la spiegazione di come ogni scuola abbia potuto produrre i suoi campioni e di come ogni campione abbia espresso la scuola con le proprie qualità e peculiarità. Il libro è anche una formula matematica che mette ordine tra europei e orientali, attacco e difesa, dritto e rovescio, cronologia nei successi e nelle sconfitte, fisicità e personalità delle stelle del Ping-Pong. Grazie Enzo!
Lorenzo:
Mai letto in così poco tempo un libro, e non perchè sia breve, ma perchè scritto con minuziosa memoria storica, dagli albori, ai nostri tempi, dai protagonisti che l'hanno vissuto, alle evoluzioni tecniche e tecnologiche di questo sport. Ma ciò che colpisce di questo racconto è l'aspetto umano dei protagonisti, e che ognuno di noi può riconoscersi, come le paure, il confronto, le gioie, ecc.! Grazie Enzo per questo libro!
Gennaro:
Grazie Maestro di cuore per averci regalato un'altro capolavoro.Grazie per la tua grande umanità,per la tua passione,per la tua testimonianza,per il tuo stile e per i tuoi insegnamenti.Sei per me un esempio assoluto per lo sport e per la vita.Con affetto e stima
  Continua...

Torna al libro: I ragazzi guardano le Stelle

 
 
Centro Olimpico Tennistavolo | Via del Molinello 32/a - 60019 Senigallia AN - ITALY | Tel. 071 7921719 - Fax 071 7929670 - mail: info@ping-pong.org